giovedì 7 aprile 2016

IL FILO ROSSO DEL DESTINO



Il filo rosso del destino (運命の赤い糸 Unmei no akai ito) è una leggenda popolare di origine cinese diffusa in Giappone. Secondo la tradizione ogni persona porta, fin dalla nascita, un invisibile filo rosso legato al mignolo della mano sinistra che lo lega alla propria anima gemella. Il filo ha la caratteristica di essere indistruttibile: le due persone sono destinate, prima o poi, a incontrarsi e a sposarsi.

LA LEGGENDA
Wei era un uomo che, rimasto orfano di entrambi i genitori in tenera età, desiderava sposarsi e avere una grande famiglia; nonostante i suoi sforzi era giunto all'età adulta senza essere riuscito a trovare una donna che volesse diventare sua moglie.
Durante un viaggio Wei incontrò, sui gradini di un tempio, un anziano appoggiato con la schiena a un sacco che stava consultando un libro. Wei chiese all'uomo cosa stesse leggendo; l'anziano rispose di essere il Dio dei matrimoni e, dopo aver guardato il libro, disse a Wei che sua moglie ora era una bimba di tre anni e che avrebbe dovuto attendere altri quattordici anni prima di conoscerla. Wei, deluso dalla risposta, chiese cosa contenesse il sacco; l'uomo rispose che lì dentro c'era del filo rosso che serviva per legare i piedi di mariti e mogli. Quel filo è invisibile e impossibile da tagliare, per cui una volta che due persone sono legate tra loro saranno destinate a sposarsi indipendentemente dai loro comportamenti o dagli eventi che vivranno. Queste parole non convinsero Wei che, per sentirsi libero di scegliere da solo la donna da sposare, ordinò al suo servo di uccidere la bambina destinata a diventare sua moglie. Il servo pugnalò la bambina ma non la uccise: riuscì soltanto a ferirla alla testa e Wei, dopo quegli eventi, continuò la sua solita vita alla ricerca della moglie.
Quattordici anni dopo Wei, ancora celibe, conobbe una bellissima ragazza diciassettenne proveniente da una famiglia agiata e si sposò con lei. La ragazza portava sempre una pezzuola sulla fronte e Wei, dopo molti anni, le chiese per quale motivo non se la togliesse nemmeno per lavarsi. La donna, in lacrime, raccontò che quando aveva tre anni fu accoltellata da un uomo e che le rimase una cicatrice sulla fronte; per vergogna la nascondeva con la pezzuola. A quelle parole Wei, ricordandosi dell'incontro con il Dio dei matrimoni e dell'ordine che dette al suo servo, confidò alla donna di essere stato lui a tentare di ucciderla. Una volta che Wei e la moglie furono a conoscenza della storia si amarono più di prima e vissero sereni e felici.


wikipedia.org  



venerdì 1 aprile 2016

STAND BY ME


 STAND BY ME

Quando la notte è arrivata
E la terra è scura
E la Luna è l'unica luce che vedremo
No, io non avrò paura, oh io non avrò paura
Almeno finché tu stai, tu stai accanto a me
Allora tesoro, tesoro stai accanto a me, oh stai accanto a me
Oh stai, stai accanto a me, stai accanto a me
Se il cielo che guardiamo lassù,
Dovesse cadere e precipitare
O se le montagne dovessero sbriciolarsi nel mare
Io non piangerò, io non piangerò, no, non spargerò una lacrima,
Almeno finché tu stai, tu stai accanto a me
E tesoro, tesoro, stai accanto a me, oh stai accanto a me
oh stai adesso, stai accanto a me, stai accanto a me
E tesoro, tesoro, stai accanto a me, oh stai accanto a me
oh stai adesso, stai accanto a me, stai accanto a me
Ogni volta che hai delle difficoltà non staresti accanto a me,
oh stai accanto a me, oh stai, oh stai accanto a me.



martedì 12 gennaio 2016

E’ cullata…

E’ cullata lievemente dall’altalena
la margherita
quasi appassita ma baciata dagli ultimi raggi del sole

Lui s’immerge fra le quiete onde del mare
va a riposare…

di Anna G. Mormina

lunedì 31 agosto 2015

È iniziata una bella giornata

 
Il draghetto gentile guarda il bocciolo di rosa senza spine
Nel vedere tanta bellezza
sogna d’essere anche lui un fiore...

Il bocciolo di rosa
decide di regalare un po’ del suo colore alle ali del draghetto

Per tutt’è due è iniziata una bella giornata...

di Anna G. Mormina
disegno: Monday dream, di kathy Day



mercoledì 5 agosto 2015

Una bimba dai lunghi capelli neri



di Anna G. Mormina

Sul ciglio del lago orientale
seduta
sotto il fungo dal grande cappello e un ramo di foglie color arancio
c’è una bimba dai lunghi capelli neri, il vestito blu, la mantellina rossa.

Guarda l’orizzonte
pensa al suo papà partito per un viaggio lontano…

Ora prende la sua mandola
 comincia a suonare una melodia, intona un dolce canto…

La sua tristezza, per un po’ si quieta.

I pesci
facendo capolino e salti nell’acqua
la salutano, la ringraziano…

***
Immagine di Jane Miller

lunedì 1 dicembre 2014

PER TE – Irene Papas (Mikis Theodorakis)


Per te canterò
se tu non puoi cantare
il tuo dolore scorrerà, scorrerà
nel fiume della vita.

Per te respirerò
la luce del mattino
i giorni tuoi ricorderò, ricorderò
le sere dell’amore.

Di te parlerò
con gente della strada
così nel mondo tu vivrai, tu vivrai
e non sarai più solo
Così nel mondo tu vivrai, tu vivrai
e non sarai più solo…


sabato 1 novembre 2014

LA LEGGENDA DEL CRISANTEMO


"Una bimba e una mamma vivevano insieme in un paese lontano lontano. Abitavano in una povera casa tutta sola in un piccolo giardino. Erano felici lo stesso, perchè si volevano bene.
Un giorno la mamma si ammalò. La bimba era sempre intorno a lei, a farle delle carezze e a prepararle qualche conforto. Ma i denari mancavano e l'ammalata stava sempre peggio.

Una mattina la piccina volle chiedere aiuto alla Vergine Maria. Prima di avviarsi verso la chiesa, ella cercò qualche cosa da offrire alla Madonna. Si guardò intorno: nulla! Ad un tratto si accorse di un fiore sbocciato nel suo giardino. Lo colse. Lo depose ai piedi dell'altare e si inginocchiò. Grande era la sua pena e il suo cuore batteva forte forte. Allora nel buio e nel silenzio della chiesa le parve di sentì bisbigliare alcune parole :

"La tua mamma vivrà ancora tanti anni quanti sono i petali del fiore che hai offerto."

Era forse la Madonna che aveva parlato così ? La piccina ne fu sicura. Si alzò, riprese il fiore, contò i petali che formavano la corolla.
Così pochi ? Ella voleva la mamma sempre con sè.
Piano piano, con le sue mani leggere, divise ogni petalo in tanti striscioline sottili e lunghe. Quanti erano i petali, ora? Dieci, venti, trenta, molti di più. 

La promessa della Madonna si avverò e la mamma visse tanti anni ancora accanto alla sua figliuola.
Per questo in quel giardino, e nei giardini vicini, e poi in quelli di tutto il mondo, un nuovo fiore crebbe: il Crisantemo, delicato, dai cento petali sottili."